On giugno - 30 - 2020

>> VAI AL MAGAZINE SFOGLIABILE N.367<<

>> Leggi tutti gli articoli di PVO N.367<

E’ tempo di Guide Pratiche, sia a livello nazionale sia a livello regionale, anche se a tutte le indicazioni manca il dato forse più atteso in questo momento di post emergenza Covid-19: la data d’inizio dell’attività agonistica della prossima stagione.

Tutte le formazioni, maschili e femminili, dalla Serie A alle categorie territoriale si stanno ormai muovendo per delineare la propria stagione, allestendo staff tecnici e rose di atleti, ma dove e quando si partirà è ancora tutto sub judice.

Il Comitato Tecnico Scientifico di supporto al Governo ci ha inserito tra gli sport di contatto (!) e al momento l’attività che i protocolli permettono in palestra sono molto limitate, lontanissime dalla possibilità di giocare, dal 2×2 al 3×3, figuriamoci il 6×6, considerato un assembramento “insurrezionale”. Al momento neppure per l’attività di vertice è stata presa in considerazione l’ipotesi di aprire, come per il calcio, almeno agli allenamenti, neppure dietro uno stretto controllo della negatività degli atleti al virus con lo screening dei tamponi. Per tutto il resto dell’attività, considerata a livello amatoriale, si deve sottostare alle rigide regole del distanziamento fisico e all’uso di strumenti personali di limitazione del contagio come mascherine e continuo lavaggio delle mani. Poi, si aggiunge l’oggettiva difficoltà di poter frequentare le palestre, legate alla disponibilità dei dirigenti scolastici che le gestiscono, ad aprirle alle società sportive (laddove poi non vengano addirittura utilizzate come aule per la didattica abituale, che subirà a sua volta drastici cambiamenti dovuti alla riduzione del numero di allievi per ogni classe).

Insomma continuiamo a viaggare a vista, con qualche data che già comincia a mettere paletti, come quelle per la cessione dei Diritti sportivi e le iscrizioni ai campionati.

Intanto abbiamo già le prime conferme per quanto riguarda la salita in Serie B della prossima stagione.

In campo maschile il Santhià ha rinunciato al reintegro e quindi il diritto è passato al Pavic Romagnano, che ha accettato il ritorno in quarta serie, in cui sarà accompagnato dal La Bollente Acqui, che ha acquisito i diritti dal Vibo Valentia.

In campo femminile, reintegro in Serie B2 accettato dalla Valentino Volpianese, che sarà probabilmente affiancata dall’Evo Junior Casale, intenzionata a rilevare i diritti da un’altra società piemontese.

Prossimamente entreremo nel vivo della campagna acquisti anche delle formazioni piemontesi nelle massime categorie, ormai quasi completamente allestite, e che ricordiamo saranno 9: nel maschile Mondovì e Cuneo Sport 2018 in Serie A2, Volley Parella Torino in Serie A3; nel femminile Agil Volley, Cuneo Granda Volley e Chieri Volley ‘76 in Serie A1, L.B.M. Mondovì, Pallavolo Pinerolo e Cus Collegno in Serie A2.

Prossimo appuntamento con PVO quando saranno definite le indizioni dei campionati regionali.

PVO, il volley vive qui. Anche in tempi di Covid-19.

Bili Bruno

 

 

Print Friendly
Categories: pvo, slider

Comments are closed.