On luglio - 7 - 2018

 

Il settore femminile sempre più fiore all’occhiello del Piemonte pallavolistico.
Sul campo, dall’Abruzzo, “PalaTricalle Leombroni” Chieti per la precisione, le ragazze della Selezione regionale guidata da Stefano Colombo, hanno conquistato al “Trofeo delle Regioni – Kinderiadi” una medaglia d’Argento davvero impronosticabile alla vigilia, stoppate in finalissima solo dal Lazio, che poi altro non è che il Volleyrò Roma in maglia regionale (una sola giocatrice di un’altra Società e un’altra dalla satellite Casal dè Pazzi diretta da Simonetta Avalle). Fin qui niente di male, se non fosse che le ragazzine sono frutto di un reclutamento che va oltre i confini laziali. Le nostre “piemontesine belle” invece provengono da ben 7 Società diverse, meritandosi davvero l’appellativo di “selezione regionale”, cosa che ha radici nella cultura sportiva della nostra regione, che in passato ebbe anche il record, nel 2011 di vincere la medaglia d’Oro del Trofeo delle Regioni presentando una squadra con ragazze di 12 Società diverse.

Non hanno sfigurato i maschi di Matteo Battocchio, che hanno chiuso al 5° posto il loro cammino in terra d’Abruzzo, con la piccola consolazione di avere comunque un piemontese Campione d’Italia con la maglia della Lombardia, il duemetri sanmaurese Andrea Lancianese, da un paio di stagioni in forza ai milanesi del Segrate.

Ma dove il Piemonte spopola in campo femminile per la prossima stagione agonistica 2018-2019, è la Serie A: leggendo la lista delle Società che hanno fatto richiesta alla Lega di partecipare alle due massime categorie ecco la sorpresa: con 6 squadre tra A1 e A2 (3+3) è proprio la nostra regione la più rappresentata sulle 31 formazioni richiedenti (13+18). La Lombardia ha il primato nella massima serie con 5 squadre (escluso il Club Italia, che pur avendo stanza al Centro Pavesi di Milano è l’espressione della Federazione), ma nessuna squadra nella cadetteria. Lontane Emilia con 3, Toscana, Veneto, Umbria e Campania 2, con una altre 8 regioni (Marche, Trentino, Friuli, Lazio, Calabria, Puglia, Sardegna e Sicilia), e appunto il Club Italia fuori concorso (tra l’altro con molte piemontesi in rosa anche per il prossimo campionato, statistica che faremo a roster chiusi).

E se si sommano le due formazioni maschili di A2, il Piemonte sale a 8 team in massima serie, secondo solo alla Lombardia (a quota 6 alla pari dei pugliesi nel parziale A1+A2 del settore uomini) che con 11 squadfre detiene il primato assoluto. A 7 totali ci sono Puglia (6 maschili e una femminile) e l’Emilia Romagna (4+3). A 5 troviamo Marche e Lazio (4+1 entrambe); a 4 Veneto e Umbria (2+2); a 3 la Calabria (2+1); con 2 la Sicilia (1+1), il Trentino (1+1), il Friuli (1+1), il Club Italia (1+1, con i maschi che hanno sede al centro federale di Vigna di Valle a Roma ma non entrano in quota Lazio) e la Campania (0+2). Chiudono con una formazione maschile Basilicata e Abruzzo e con una femminile la Sardegna.

Prima di chiudere per le meritate ferie, PVO avrà ancora un paio di uscite, caratterizzate dalla presentazione dell’attività della prossima stagione, a livello nazionale, regionale e giovanile, con tutte le novità del caso.

Poi ci rivedremo a inizio settembre, per la tradizionale presentazione dei sorteggi dei campionati di Serie C e Serie D maschili e femminili e le premiazioni dell’attività della stagione appena conclusa 2017-2018.

Quindi sarà tempo di Mondiale 2018 maschile, che vedrà Torino ospitare al PalaAlpitour la Fase Finale dal 26 al 30 settembre.

Bruno Bili

>> VAI AL MAGAZINE SFOGLIABILE N.292 <<

>> Leggi tutti gli articoli di PVO N.292<<

Print Friendly
Categories: pvo

Comments are closed.